Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

La ferita da vergogna

Ottobre 30 @ 19:30 - 21:30

La ferita da vergogna

La ferita da vergogna si basa su un presupposto con il quale, chi più e chi meno, chi prima e chi dopo, ci scontriamo tutti: l’idea di non andare bene come siamo. È una ferita che ha forti tratti culturali, poiché il metro di paragone che usiamo è la cultura del luogo in cui viviamo, e se sento di non andare bene come sono le proverò tutte per aggiustare ciò che di me sento non all’altezza del mondo che ci circonda.

Guardarmi con occhi esterni, quali che siano quegli occhi, mi colloca dentro un circolo vizioso per il quale io come sono sento di non essere/valere/meritare abbastanza, e anziché dare corpo e valore a chi sono e alla mia unicità, così come sarebbe sano e necessario fare, rincorro modelli esterni. Che però non riuscirò mai a fare miei per il semplice fatto che io sono altro da quei modelli, e non è detto che quei modelli vadano bene per me.

 

 

Scrivere per guarire le ferite emotive

Quale che sia la ferita emotiva che ci portiamo dentro, quella ferita è il varco attraverso il quale guardiamo il mondo, il filtro che mettiamo davanti l’obiettivo e che modifica la realtà, che ci dà la nostra lettura e la nostra visione di ciò che ci accade. Non è soltanto un dolore o una mancanza, è il nostro sguardo su chi siamo e quel che facciamo, l’alveo nel quale incanaliamo il flusso dei nostri giorni, le scelte quotidiane, i grandi impegni e i piccoli fatti. La ferita è il punto di osservazione che usiamo per interpretare ciò che accade a noi e al nostro mondo.

 

Nascondiamo la nostra ferita dietro tratti culturali, abitudini, parole e ci inganniamo dicendo a noi stessi – ancor prima che al mondo lì fuori – che una ferita non c’è. In questo modo però la rendiamo ancora più dolorante, ne ritardiamo – o forse impediamo del tutto – la guarigione. è così che portiamo avanti la vita, mettendo da parte ciò che più ci fa male.

 

Scrivere di te è anche riuscire a vedere la tua ferita, affrontarla, riconoscerla in quel che sei e fai, attraversarla e poi guarirla. Prenderne una salutare distanza. Vuol dire togliere quel filtro tra te e la tua vita, cambiare punto di vista e prospettiva, entrare davvero in relazione con la tua storia.

 

Il laboratorio è online, su Google Meet. Dopo l’iscrizione riceverai il link per partecipare.

Per info e prenotazioni scrivimi a info@scritturariparativa.it

 

 

 

 

 

Dettagli

Data:
Ottobre 30
Ora:
19:30 - 21:30
Categorie Eventi:
,

Organizzatore

Scrittura Riparativa
Email
info@scritturariparativa.it
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi